Ats
Tumore polmone
OncoPneumologia
Ers

Tumore polmonare non-a-piccole cellule con mutazione EGFR T790M e resistente a un precedente EGFR TKI: efficacia di AZD9291


La mutazione EGFR T790M è il meccanismo più comune di resistenza ai farmaci per gli inibitori della tirosin-chinasi ( TKI ) del recettore del fattore di crescita dell’epidermide ( EGFR ) in pazienti che hanno tumore al polmone con mutazione in EGFR ( tumore polmonare EGFR-mutato ).

In modelli preclinici, AZD9291, un inibitore di EGFR, ha dimostrato di essere efficace contro mutazioni sensibilizzanti a EGFR TKI e mutazioni di resistenza T790M.

È stato somministrato AZD9291 a dosi di 20-240 mg una volta al giorno nei pazienti con tumore polmonare avanzato che avevano progressione della malattia radiologicamente documentata dopo un precedente trattamento con inibitori della tirosin-chinasi di EGFR.

Lo studio ha incluso coorti di incremento scalare della dose e coorti di espansione della dose.
Nelle coorti di espansione, le biopsie tumorali pre-studio sono state necessarie per la determinazione dello stato EGFR T790M.

In totale sono stati trattati 253 pazienti. Tra i 31 pazienti arruolati nelle coorti di incremento scalare della dose, non si sono verificati effetti tossici dose-limitanti alle dosi valutate.

Ulteriori 222 pazienti sono stati trattati in 5 coorti di espansione.

I più comuni eventi avversi per tutte le cause sono stati: diarrea, rash, nausea e diminuzione dell'appetito.

Il tasso di risposta tumorale obiettiva complessiva è stato pari al 51%.

Tra 127 pazienti con EGFR T790M valutati per la risposta, il tasso di risposta è stato del 61%.

Di contro, tra i 61 pazienti senza EGFR T790M rilevabile valutati per la risposta, il tasso di risposta è stato del 21%.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 9.6 mesi nei pazienti EGFR T790M-positivi e di 2.8 mesi nei pazienti EGFR T790M-negativi.

In conclusione AZD9291 è risultato molto attivo in pazienti con tumore del polmone con mutazione EGFR T790M che avevano avuto una progressione della malattia durante la terapia precedente con inibitori della tirosin-chinasi di EGFR. ( Xagena )

Jänne PA et al, N Engl J Med 2015;372:1689-1699

Xagena_Medicina_2015



Indietro

Headlines

Un gruppo di ricercatori ha scoperto come l’utilizzo di una particolare forma di radioterapia impiegata per la cura dei tumori del polmone in stadio iniziale, la radioterapia stereotassica, possa esse ...


Sono stati presentati i dati clinici e di sicurezza di Osimertinib ( Tagrisso ) per il trattamento dei pazienti con malattia leptomeningea, una complicanza del tumore al polmone non-a-piccole cellule ...


La Commissione Europea ( CE ) ha autorizzato la commercializzazione di Giotrif ( Afatinib ) come terapia per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SqCC ) avanzato e in progressione ...


In occasione dell’European Lung Cancer Conference ( ELCC ) 2016 sono stati presentati i nuovi dati di fase I con un follow-up più lungo, relativi a Osimertinib ( Tagrisso ) nei pazienti con tumore al ...


Un nuovo studio ha mostrato che i livelli degli eosinofili, una categoria di globuli bianchi del sangue, permettono di identificare i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) che pos ...


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Ofev ( Nintedanib ) per il trattamento della fibrosi polmonare idiopatica ( FPI ). L’approvazione si basa sui risultati degli studi gemelli di fase III INPUL ...