Ers
Tumore polmone
Ats
Esmr

Sviluppo di asma in età pediatrica e impiego degli antibiotici nel corso della gravidanza


Le madri che assumono antibiotici nel corso della gravidanza mettono a rischio i propri figli di sviluppare asma all'età di 3 anni.

Gli antibiotici nel periodo prenatale potrebbero modificare la placenta, il microbiota vaginale o quello dell’intestino della madre aumentando il rischio che un bambino sviluppi successivamente l'asma.

Lo studio ha preso in esame famiglie che vivevano in aree svantaggiate della città di Chicago ( Stati Uniti ) con un nascituro a rischio di sviluppare asma.

Dal 1998 al 2004, le madri sono state seguite e intervistate durante la gravidanza e subito dopo il parto. Un totale di 301 neonati sono stati seguiti a partire dall'età di 4 settimane per 3 anni.

Sono stati valutati i fattori di rischio prenatali come l'impiego di antibiotici, le infezioni e l’abitudine al fumo per ogni trimestre.
E’ stato riscontrato che 103 madri avevano fatto uso di antibiotici durante la gravidanza e le madri che soffrivano d'asma avevano una maggiore probabilità ad assumere antibiotici durante la gravidanza ( P inferiore a 0.01 ).

L'impiego degli antibiotici da parte della madre durante la gravidanza, la stessa asma o la somministrazione di antibiotici ai bambini per patologie respiratorie durante il primo anno erano in grado di predire il rischio di asma all'età di 3 anni ( odds ratio aggiustato, aOR=3.12 ).

Fumare durante la gravidanza e il basso peso alla nascita erano predittori di respiro sibilante ( P = 0.018 e P = 0.048 ).
L'impiego di antibiotici durante la gravidanza ha aumentato la probabilità ( aOR=1.76 ) di respiro sibilante, così come la mancanza di allattamento al seno e l’uso di antibiotici per problemi respiratori nel primo anno di vita del bambino.

Anche l'uso di antibiotici durante il secondo e il terzo trimestre di gravidanza era in grado di predire l'asma nei bambini.

Lo studio presenta dei limiti; la ricerca ha interessato solo un’area economicamente svantaggiata, inoltre i ricercatori non hanno avuto accesso a importanti informazioni: quanto frequentemente le madri hanno assunto gli antibiotici o il motivo per il quale le madri erano state trattate con gli antibiotici. ( Xagena )

Fonte: Allergy, Asthma and Clinical Immunology, 2014

Xagena_Medicina_2014



Indietro

Headlines

Un gruppo di ricercatori ha scoperto come l’utilizzo di una particolare forma di radioterapia impiegata per la cura dei tumori del polmone in stadio iniziale, la radioterapia stereotassica, possa esse ...


Sono stati presentati i dati clinici e di sicurezza di Osimertinib ( Tagrisso ) per il trattamento dei pazienti con malattia leptomeningea, una complicanza del tumore al polmone non-a-piccole cellule ...


La Commissione Europea ( CE ) ha autorizzato la commercializzazione di Giotrif ( Afatinib ) come terapia per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SqCC ) avanzato e in progressione ...


In occasione dell’European Lung Cancer Conference ( ELCC ) 2016 sono stati presentati i nuovi dati di fase I con un follow-up più lungo, relativi a Osimertinib ( Tagrisso ) nei pazienti con tumore al ...


Un nuovo studio ha mostrato che i livelli degli eosinofili, una categoria di globuli bianchi del sangue, permettono di identificare i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) che pos ...


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Ofev ( Nintedanib ) per il trattamento della fibrosi polmonare idiopatica ( FPI ). L’approvazione si basa sui risultati degli studi gemelli di fase III INPUL ...