OncoPneumologia
Tumore polmone
Ats
Esmr

Bronchiectasia non dovuta a fibrosi cistica: la Tobramicina nebulizzata previene l'infezione bronchiale da Pseudomonas aeruginosa


Nessun studio prospettico ha valutato il trattamento di eradicazione della colonizzazione in fase precoce di Pseudomonas aeruginosa ( P. aeruginosa ) nelle bronchiectasie non dovute a fibrosi cistica.

Ricercatori hanno valutato l'efficacia del trattamento di 3 mesi con Tobramicina in soluzione da nebulizzare dopo un breve ciclo di antibiotici per via endovenosa nella eradicazione di Pseudomonas aeruginosa e le sue conseguenze cliniche nelle bronchiectasie non-fibrosi cistica dopo infezione iniziale con Pseudomonas aeruginosa.

Uno studio, randomizzato, in singolo cieco, della durata di 15 mesi, che ha riguardato 35 pazienti è stato condotto in un ospedale universitario terziario.
In seguito ad isolamento di Pseudomonas aeruginosa e un trattamento per via endovenosa di 14 giorni con Ceftazidima e Tobramicina, i pazienti hanno ricevuto 300 mg di Tobramicina nebulizzata due volte al giorno oppure placebo per 3 mesi, e sono stati seguiti per i 12 mesi successivi.

Il tempo mediano alla recidiva di infezione da Pseudomonas aeruginosa è risultato più alto nel gruppo Tobramicina rispetto al gruppo placebo ( p=0.048, log-rank test ).

Alla fine dello studio il 54.5% dei pazienti era libero da Pseudomonas aeruginosa nel gruppo Tobramicina e il 29.4% nel gruppo placebo.

Il numero di esacerbazioni ( p=0.044 ), i ricoveri ospedalieri ( p=0.037 ) e i giorni di ricovero ( p=0.034 ) erano più bassi nel gruppo Tobramicina rispetto al gruppo placebo.

A livello globale, la tendenza non-significativa al miglioramento nel gruppo Tobramicina è stata osservata nella maggior parte degli altri parametri studiati.

Il broncospasmo nel gruppo Tobramicina è risultato notevole.

In conclusione, lo studio ha dimostrato che 3 mesi di Tobramicina nebulizzata dopo un breve ciclo di antibiotici per via endovenosa può prevenire l'infezione bronchiale da Pseudomonas aeruginosa e ha un impatto clinico favorevole sulla bronchiectasia non dovuta a fibrosi cistica. ( Xagena )

Orriols R et al, Respiration 2015; Epub ahead of print

Xagena_Medicine_2015



Indietro

Headlines

Un gruppo di ricercatori ha scoperto come l’utilizzo di una particolare forma di radioterapia impiegata per la cura dei tumori del polmone in stadio iniziale, la radioterapia stereotassica, possa esse ...


Sono stati presentati i dati clinici e di sicurezza di Osimertinib ( Tagrisso ) per il trattamento dei pazienti con malattia leptomeningea, una complicanza del tumore al polmone non-a-piccole cellule ...


La Commissione Europea ( CE ) ha autorizzato la commercializzazione di Giotrif ( Afatinib ) come terapia per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SqCC ) avanzato e in progressione ...


In occasione dell’European Lung Cancer Conference ( ELCC ) 2016 sono stati presentati i nuovi dati di fase I con un follow-up più lungo, relativi a Osimertinib ( Tagrisso ) nei pazienti con tumore al ...


Un nuovo studio ha mostrato che i livelli degli eosinofili, una categoria di globuli bianchi del sangue, permettono di identificare i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) che pos ...


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Ofev ( Nintedanib ) per il trattamento della fibrosi polmonare idiopatica ( FPI ). L’approvazione si basa sui risultati degli studi gemelli di fase III INPUL ...