Esmr
OncoPneumologia
Ers
Ats

Bronchiectasia negli adulti: Pseudomonas aeruginosa è associato a un rischio di mortalità 3 volte maggiore e a un aumento dei ricoveri ospedalieri e delle riacutizzazioni


L’eradicazione e la soppressione di Pseudomonas aeruginosa ( P. aeruginosa ) è una priorità fondamentale per le lineeguida riguardanti la bronchiectasia, ed è un obiettivo importante di sviluppo di farmaci e di sperimentazioni cliniche.
E’dunque essenziale una stima precisa dell'impatto clinico di Pseudomonas aeruginosa nelle bronchiectasie.

I dati provenienti da 21 studi osservazionali di coorte che hanno messo a confronto pazienti con colonizzazione da Pseudomonas aeruginosa con pazienti non-colonizzati, sono stati aggregati ed è stata effettuata una meta-analisi a effetti casuali.

Gli studi hanno riguardato 3683 pazienti.

Pseudomonas aeruginosa è risultato associato a un aumento molto significativo in tutti i marcatori di gravità della malattia, tra cui la mortalità ( odds ratio, OR=2.95, 95% IC 1.98-4.40; p inferiore a 0.0001 ), i ricoveri ospedalieri ( OR=6.57, 95% IC 3.19-13.51; p inferiore a 0.0001 ) e le riacutizzazioni ( differenza 0.97 all'anno, 95% IC 0.64-1.30 in media; p inferiore a 0.0001 ).

I pazienti con Pseudomonas aeruginosa presentavano anche una peggiore qualità di vita utilizzando la scala SGRQ ( St Georges Respiratory Questionnaire ) ( differenza media di 18.2 punti, 95% IC 14.7-21.8; p inferiore a 0.0001 ).

Sono state riscontrate anche grandi differenze nella funzione polmonare e nella gravità all’esame radiologico.

Le definizioni di colonizzazione erano incompatibili, ma i risultati sono stati robusti, indipendentemente dalla definizione utilizzata.

In conclusione, Pseudomonas aeruginosa è associato a un rischio di morte approssimativamente 3 volte maggiore, e a un aumento dei ricoveri ospedalieri e delle esacerbazioni nelle bronchiectasie degli adulti. ( Xagena )

Finch S et al, Ann Am Thorac Soc 2015; Epub ahead of print

Xagena_Medicina_2015



Indietro

Headlines

Un gruppo di ricercatori ha scoperto come l’utilizzo di una particolare forma di radioterapia impiegata per la cura dei tumori del polmone in stadio iniziale, la radioterapia stereotassica, possa esse ...


Sono stati presentati i dati clinici e di sicurezza di Osimertinib ( Tagrisso ) per il trattamento dei pazienti con malattia leptomeningea, una complicanza del tumore al polmone non-a-piccole cellule ...


La Commissione Europea ( CE ) ha autorizzato la commercializzazione di Giotrif ( Afatinib ) come terapia per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SqCC ) avanzato e in progressione ...


In occasione dell’European Lung Cancer Conference ( ELCC ) 2016 sono stati presentati i nuovi dati di fase I con un follow-up più lungo, relativi a Osimertinib ( Tagrisso ) nei pazienti con tumore al ...


Un nuovo studio ha mostrato che i livelli degli eosinofili, una categoria di globuli bianchi del sangue, permettono di identificare i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) che pos ...


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Ofev ( Nintedanib ) per il trattamento della fibrosi polmonare idiopatica ( FPI ). L’approvazione si basa sui risultati degli studi gemelli di fase III INPUL ...