Tumore polmone
Ats
Ers
OncoPneumologia

Batteri multiresistenti nei campioni respiratori dopo trapianto polmonare


Uno studio si è posto l’obiettivo di descrivere la epidemiologia e i fattori di rischio dei batteri multi-resistenti ( MDR ) rilevati nei campioni respiratori raccolti mediante manovre invasive durante il ricovero nel reparto di Terapia intensiva ( UTI ) dopo trapianto polmonare.

Questo studio si è basato su una analisi retrospettiva di 176 pazienti ricoverati in UTI dopo trapianto di polmone nel periodo 2006-2012.

Un totale di 1176 batteri sono stati coltivati. Il test di sensibilità è stato eseguito su 1046 ceppi e 404 ( 39% ) ceppi multiresistenti sono stati rilevati in 90 ( 51% ) pazienti.

Pseudomonas aeruginosa, stafilococchi coagulasi-negativi, e Enterobacteriaceae ( principalmente Enterobacter species ) erano i più comuni agenti patogeni multi-resistenti riscontrati.

All'analisi multivariata, il ricovero in UTI per più di 14 giorni, la presenza di una tracheostomia, e la precedente esposizione agli antibiotici ad ampio spettro erano associati ad acquisizione di multiresistenza ( odds ratio [ OR ] 3.7; 95% intervallo di confidenza [ 1.69-8.12 ]; OR 3.28 [ 1.05-10.28 ]; e OR 2.25 [ 1.17-4.34 ], rispettivamente ).

E' stato costantemente osservato un emergere crescente di resistenza a diversi antibiotici, dalla settimana 1 alla settimana 4 di ricovero in terapia intensiva per: Ticarcillina, Piperacillina più Tazobactam, Ceftazidima, Imipenem più Cilastatina, Amikacina, e Ciprofloxacina in Pseudomonas aeruginosa; e Piperacillina più Tazobactam, Cefepime, e Amikacina in Enterobacteriaceae.

In conclusione, una grande percentuale di batteri multi-resistenti sono stati rilevati su campioni respiratori ottenuti mediante manovre invasive nei pazienti con trapianto di polmone; la comparsa di batteri MDR è principalmente dovuto a una precedente esposizione agli antibiotici ad ampio spettro e alla durata della permanenza in Unità di terapia intensiva. ( Xagena )

Tebano G et al, Transpl Infect Dis 2015; Epub ahead of print

Xagena_Medicina_2015



Indietro

Headlines

Un gruppo di ricercatori ha scoperto come l’utilizzo di una particolare forma di radioterapia impiegata per la cura dei tumori del polmone in stadio iniziale, la radioterapia stereotassica, possa esse ...


Sono stati presentati i dati clinici e di sicurezza di Osimertinib ( Tagrisso ) per il trattamento dei pazienti con malattia leptomeningea, una complicanza del tumore al polmone non-a-piccole cellule ...


La Commissione Europea ( CE ) ha autorizzato la commercializzazione di Giotrif ( Afatinib ) come terapia per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SqCC ) avanzato e in progressione ...


In occasione dell’European Lung Cancer Conference ( ELCC ) 2016 sono stati presentati i nuovi dati di fase I con un follow-up più lungo, relativi a Osimertinib ( Tagrisso ) nei pazienti con tumore al ...


Un nuovo studio ha mostrato che i livelli degli eosinofili, una categoria di globuli bianchi del sangue, permettono di identificare i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) che pos ...


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Ofev ( Nintedanib ) per il trattamento della fibrosi polmonare idiopatica ( FPI ). L’approvazione si basa sui risultati degli studi gemelli di fase III INPUL ...