Ats
Esmr
Tumore polmone
Ers

Antagonisti CXCR2 nelle bronchiectasie: AZD5069 è ben tollerato


Questo studio di fase IIa, randomizzato e controllato con placebo, in doppio cieco, a gruppi paralleli, multicentrico, ha valutato l'effetto dell’antagonista di CXCR2, AZD5069, sulla conta dei neutrofili nell’espettorato degli adulti con bronchiectasia.

I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1: 1 a ricevere AZD5069 80 mg oppure placebo per via orale due volte al giorno per 28 giorni.

Le valutazioni hanno incluso: emocromo, marcatori infiammatori nel sangue, espettorato spontaneo raccolto di primo mattino, funzione polmonare, sicurezza e tollerabilità.
Inoltre, i pazienti si sono sottoposti quotidianamente al sistema di monitoraggio Bronko Test.

L'endpoint primario era la variazione assoluta della conta dei neutrofili nell’espettorato.

Dei 52 pazienti randomizzati, 45 hanno completato il trattamento, 20 ( 76.9% ) su 26 hanno ricevuto AZD5069 e 25 ( 96.2% ) su 26 sono stati trattati con placebo.

AZD5069 ha ridotto la conta assoluta dei neutrofili nell’espettorato raccolto di mattina del 69% rispetto al placebo ( p=0.004 ); la percentuale dei neutrofili nell'espettorato è stata ridotta del 36% ( p=0.008 ).

Il numero di infezioni / esacerbazioni è risultato simile tra AZD5069 e placebo ( 9 versus 8 ); ci sono state 4 interruzioni dello studio nel gruppo AZD5069 contro 0 nel gruppo placebo.

I livelli nell’espettorato di IL-6, GRO-alfa, IL-1beta e IL-8, sono risultati aumentati con AZD5069 rispetto al placebo ( tutti p inferiore a 0.001 ), mentre i livelli sierici della proteina C-reattiva ad alta sensibilità ( hs-CRP ) non si sono modificati.

AZD5069 è risultato ben tollerato, e ha sensibilmente ridotto la conta assoluta dei neutrofili nell’espettorato nei pazienti con bronchiectasia, anche se questo non è stato associato a miglioramenti nei risultati clinici in questo studio esplorativo. ( Xagena )

De Soyza A et al, Eur Respir J 2015; 46: 1021-1032

Xagena_Medicina_2015



Indietro

Headlines

Un gruppo di ricercatori ha scoperto come l’utilizzo di una particolare forma di radioterapia impiegata per la cura dei tumori del polmone in stadio iniziale, la radioterapia stereotassica, possa esse ...


Sono stati presentati i dati clinici e di sicurezza di Osimertinib ( Tagrisso ) per il trattamento dei pazienti con malattia leptomeningea, una complicanza del tumore al polmone non-a-piccole cellule ...


La Commissione Europea ( CE ) ha autorizzato la commercializzazione di Giotrif ( Afatinib ) come terapia per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SqCC ) avanzato e in progressione ...


In occasione dell’European Lung Cancer Conference ( ELCC ) 2016 sono stati presentati i nuovi dati di fase I con un follow-up più lungo, relativi a Osimertinib ( Tagrisso ) nei pazienti con tumore al ...


Un nuovo studio ha mostrato che i livelli degli eosinofili, una categoria di globuli bianchi del sangue, permettono di identificare i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) che pos ...


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Ofev ( Nintedanib ) per il trattamento della fibrosi polmonare idiopatica ( FPI ). L’approvazione si basa sui risultati degli studi gemelli di fase III INPUL ...