Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
OncoPneumologia
Ats
Ers

Tubercolosi polmonare farmaco-sensibile o farmaco-resistente: efficienza e sicurezza del regime PaMZ nelle prime 8 settimane di trattamento


Nuovi regimi antitubercolari sono urgentemente necessari per abbreviare il trattamento della tubercolosi. E’ stata esaminata l'efficacia e la sicurezza di un nuovo regime nella tubercolosi farmaco-sensibile e multi-resistente ( MDR ) durante le prime 8 settimane di trattamento.

Sono stati arruolati pazienti di due Stati africani, naive al trattamento, con tubercolosi polmonare farmaco-sensibile, che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 8 settimane di Moxifloxacina ( Avalox ), 100 mg Pretomanid ( precedentemente noto come PA-824 ) e Pirazinamide ( Piraldina ) [ regime MPa100Z ]; Moxifloxacina, 200 mg Pretomanid e Pirazinamide [ regime MPa200Z ]; o la cura standard attuale per la tubercolosi polmonare farmaco-sensibile, Isoniazide, Rifampicina, Pirazinamide, ed Etambutolo [ regime HRZE ].

Un gruppo di pazienti affetti da tubercolosi MDR ha ricevuto MPa200Z ( gruppo DRMPa200Z ).

L'esito primario era l’attività battericida misurata dal tasso medio giornaliero di riduzione delle unità formanti le colonie di Mycobacterium tuberculosis per ml di espettorato durante la notte raccolto una volta alla settimana.

Tra il 2012 e il 2013 sono stati arruolati 207 pazienti e sono stati casualmente assegnati ai gruppi di trattamento: 60 pazienti al regime MPa100Z, 62 al regime MPa200Z e 59 al regime HRZE.
26 pazienti con tubercolosi resistente ai farmaci sono stati assegnati in modo non-casuale al regime DRMPa200Z.

Nei pazienti con tubercolosi farmaco-sensibile, l'attività battericida di MPa200Z ( n=54 ) nei giorni 0-56 ( 0.155 ) è risultata significativamente maggiore rispetto a HRZE ( n=54, 0.112 ).

DRMPa200Z ( n=9 ) ha presentato una attività battericida di 0.117.

L'attività battericida nei giorni 7-14 è stata fortemente associata con l’attività battericida nei giorni 7-56.

La frequenza di eventi avversi è stata simile al trattamento standard in tutti i gruppi. L'evento avverso più comune era l’iperuricemia in 59 pazienti ( 29% ) ( 17 pazienti, 28%, del gruppo MPa100Z, 17 pazienti, 27%, del gruppo MPa200Z, 17 pazienti, 29%, del gruppo HRZE, e 8 pazienti, 31%, del gruppo DRMPa200Z ).
Altri eventi avversi comuni sono stati nausea ( 14 pazienti, 23%, del gruppo MPa100Z, 8 pazienti, 13%, del gruppo MPa200Z, 7 pazienti, 12%, del gruppo HRZE e 8 pazienti, 31%, del gruppo DRMPa200Z ) e vomito ( 7 pazienti, 12%, del gruppo MPa100Z, 7 pazienti, 11% del gruppo MPa200Z, 7 pazienti, 12%, del gruppo HRZE e 4 pazienti, 15%, del gruppo DRMPa200Z ).
Non sono stati riportati casi con intervallo QT superiore a 500 ms ( un indicatore potenziale di tachiaritmia ventricolare ) all’ECG ( elettrocardiogramma ) durante il trattamento.
Nessuna resistenza fenotipica si è sviluppata per uno qualsiasi dei farmaci nel regime.

La combinazione di Moxifloxacina, Pretomanid e Pirazinamide è risultata sicura, ben tollerata e ha dimostrato attività battericida superiore nella tubercolosi farmaco-sensibile durante 8 settimane di trattamento.
I risultati erano coerenti tra tubercolosi farmaco-sensibile e tubercolosi multi-resistente.
Questo nuovo regime è pronto a entrare in studi clinici di fase 3 in pazienti con tubercolosi farmaco-sensibile e tubercolosi multi-resistente, con l'obiettivo di abbreviare e semplificare il trattamento. ( Xagena )

Dawson R et al, Lancet 2015;385:1738-1747

Xagena_Medicina_2015



Indietro

Headlines

Un gruppo di ricercatori ha scoperto come l’utilizzo di una particolare forma di radioterapia impiegata per la cura dei tumori del polmone in stadio iniziale, la radioterapia stereotassica, possa esse ...


Sono stati presentati i dati clinici e di sicurezza di Osimertinib ( Tagrisso ) per il trattamento dei pazienti con malattia leptomeningea, una complicanza del tumore al polmone non-a-piccole cellule ...


La Commissione Europea ( CE ) ha autorizzato la commercializzazione di Giotrif ( Afatinib ) come terapia per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SqCC ) avanzato e in progressione ...


In occasione dell’European Lung Cancer Conference ( ELCC ) 2016 sono stati presentati i nuovi dati di fase I con un follow-up più lungo, relativi a Osimertinib ( Tagrisso ) nei pazienti con tumore al ...


Un nuovo studio ha mostrato che i livelli degli eosinofili, una categoria di globuli bianchi del sangue, permettono di identificare i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) che pos ...


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Ofev ( Nintedanib ) per il trattamento della fibrosi polmonare idiopatica ( FPI ). L’approvazione si basa sui risultati degli studi gemelli di fase III INPUL ...