Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Ats
OncoPneumologia
Tumore polmone

Dimensione dell'arteria polmonare come predittore di esiti nella fibrosi polmonare idiopatica


I pazienti con fibrosi polmonare idiopatica ( IPF ) presentano un’aumentata propensione alla ipertensione polmonare, che fa presagire un esito sfavorevole.
La presenza di ipertensione polmonare può tradursi in una arteria polmonare allargata.

È stata studiata la dimensione dell'arteria polmonare misurata mediante tomografia computerizzata ad alta risoluzione ( HRCT ) come predittore dell'esito di fibrosi polmonare idiopatica.

Sono stati analizzati retrospettivamente tutti i pazienti con fibrosi polmonare idiopatica valutati in un Centro di cura tra il 2008 e il 2013.
I diametri dell'arteria polmonare e dell'aorta ascendente sono stati misurati mediante HRCT del torace con calcolo del rapporto tra diametro dell’arteria polmonare e dell'aorta ascendente ( PA:A ).

È stata eseguita una analisi dell’esito definito da morte o trapianto di polmone in base alle dimensioni arteria polmonare e al rapporto PA:A in 60 mesi.

In tutto, 98 pazienti con fibrosi polmonare idiopatica con misure tomografiche disponibili avevano un diametro medio dell’arteria polmonare e un rapporto PA:A, rispettivamente, di 32.8 mm e 0.94.

I pazienti con un rapporto PA:A maggiore di 1 avevano un più alto rischio di morte o di trapianto rispetto a un rapporto PA:A minore o uguale a 1 ( P minore di 0.001 ).

Anche un rapporto PA:A maggiore di 1 era un predittore indipendente di esito nelle analisi di esito aggiustate e non-aggiustate ( hazard ratio, HR=3.99, P minore di 0.001 e HR=3.35, P=0.002, rispettivamente ).

Un rapporto PA:A maggiore di 1 era associato ad esiti peggiori nei pazienti con fibrosi polmonare idiopatica.
Una misurazione mediante tomografia computerizzata ad alta risoluzione del rapporto PA:A può aiutare nella stratificazione del rischio e nella prognosi dei pazienti con fibrosi polmonare idiopatica. ( Xagena2016 )

Shin S et al, Eur Resp J 2016; 47: 1445-1451

Xagena_Pneumologia_2016



Indietro

Headlines

Un gruppo di ricercatori ha scoperto come l’utilizzo di una particolare forma di radioterapia impiegata per la cura dei tumori del polmone in stadio iniziale, la radioterapia stereotassica, possa esse ...


Sono stati presentati i dati clinici e di sicurezza di Osimertinib ( Tagrisso ) per il trattamento dei pazienti con malattia leptomeningea, una complicanza del tumore al polmone non-a-piccole cellule ...


La Commissione Europea ( CE ) ha autorizzato la commercializzazione di Giotrif ( Afatinib ) come terapia per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SqCC ) avanzato e in progressione ...


In occasione dell’European Lung Cancer Conference ( ELCC ) 2016 sono stati presentati i nuovi dati di fase I con un follow-up più lungo, relativi a Osimertinib ( Tagrisso ) nei pazienti con tumore al ...


Un nuovo studio ha mostrato che i livelli degli eosinofili, una categoria di globuli bianchi del sangue, permettono di identificare i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) che pos ...


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Ofev ( Nintedanib ) per il trattamento della fibrosi polmonare idiopatica ( FPI ). L’approvazione si basa sui risultati degli studi gemelli di fase III INPUL ...