Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
OncoPneumologia
Esmr
Ats

Delamanid per il trattamento dei pazienti affetti da tubercolosi multi-resistente


Delamanid ( Deltyba ), un derivato nitroimidazo-ossazolo, è un nuovo farmaco antitubercolare che manifesta una potente attività in vitro e in vivo contro i ceppi farmaco-sensibili e resistenti di Mycobacterium tuberculosis.

Delamanid è approvato in diversi Paesi come parte di un regime di combinazione negli adulti con tubercolosi multi-resistente ( MDR-TB ) quando un regime di trattamento efficace non può essere impiegato a causa di resistenza o scarsa tollerabilità.

In uno studio di fase II in pazienti adulti con tubercolosi MDR, Delamanid per os 100 mg due volte al giorno per 2 mesi più un regime background ottimizzato, ha migliorato il tasso di conversione della coltura dell’espettorato in misura significativamente maggiore rispetto al placebo.

In uno studio di estensione di 6 mesi, a lungo termine ( minore o uguale a 8 mesi ) il trattamento con Delamanid era associato a una più alta incidenza di esiti favorevoli rispetto al trattamento di breve periodo ( inferiore o uguale a 2 mesi ), con una riduzione degli esiti sfavorevoli come definito dall'OMS ( cioè quota pre-specificata di colture dell'espettorato TB-positive, mortalità o sospensione del trattamento per un periodo superiore o uguale a 2 mesi senza approvazione medica ).

Delamanid non è risultato associato a interazioni farmacologiche, clinicamente rilevanti, anche con farmaci antiretrovirali e con quelli comunemente utilizzati nel trattamento della tubercolosi.

Delamanid è risultato generalmente ben tollerato nei pazienti con tubercolosi MDR, con eventi avversi gastrointestinali e insonnia, riportati più comunemente.
Sebbene il prolungamento dell'intervallo QT sia stato osservato maggiormente con la terapia a base di Delamanid, questo non è risultato associato a sintomi clinici, come sincope e aritmia.

In conclusione, Delamanid è un'utile terapia addizionale alle altre opzioni terapeutiche attualmente disponibile per i pazienti con tubercolosi MDR. ( Xagena  )

Blair HA, Scott LJ, Drugs 2015; 75: 91-100

Xagena_Medicina_2015



Indietro

Headlines

Un gruppo di ricercatori ha scoperto come l’utilizzo di una particolare forma di radioterapia impiegata per la cura dei tumori del polmone in stadio iniziale, la radioterapia stereotassica, possa esse ...


Sono stati presentati i dati clinici e di sicurezza di Osimertinib ( Tagrisso ) per il trattamento dei pazienti con malattia leptomeningea, una complicanza del tumore al polmone non-a-piccole cellule ...


La Commissione Europea ( CE ) ha autorizzato la commercializzazione di Giotrif ( Afatinib ) come terapia per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SqCC ) avanzato e in progressione ...


In occasione dell’European Lung Cancer Conference ( ELCC ) 2016 sono stati presentati i nuovi dati di fase I con un follow-up più lungo, relativi a Osimertinib ( Tagrisso ) nei pazienti con tumore al ...


Un nuovo studio ha mostrato che i livelli degli eosinofili, una categoria di globuli bianchi del sangue, permettono di identificare i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) che pos ...


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Ofev ( Nintedanib ) per il trattamento della fibrosi polmonare idiopatica ( FPI ). L’approvazione si basa sui risultati degli studi gemelli di fase III INPUL ...